30 Aprile 2022

Buongiorno e ben ritrovati, il percorso che faremo da qui in avanti, e che ci accompagnerà per diverse “colazioni” è l’analisi e il monitoraggio nel tempo di alcune tipologie di portafogli di investimento. 

L’idea mi è venuta dai miei clienti e da mio marito.

Ad ispirami siete stati voi: perché sempre di più vorrei farvi capire qual è il mio lavoro quando non vi incontro: studiare il mercato, ascoltare i gestori, monitorare i portafogli di investimento, trasformare in portafogli finanziari le vostre aspettative e i vostri obiettivi.

Ma una buona responsabilità su quanto mi sto accingendo a fare con queste mie prossime “colazioni” è stato mio marito Jacopo, che qualche mese fa mi ha detto: “Si! Bello l’articolo sulla guerra, sull’inflazione, ma perché non tratti di casi veri, di clientela, che ha chiesto il tuo supporto per una particolare esigenza o obbiettivo di investimento.  E così facendo non offri, anche la possibilità di tenere monitorato e visibile dal di fuori l’andamento di qual particolare portafoglio?”

Eccomi qui ora a parlarvi di portafoglio modello e del primo portafoglio che andremo a sviscerare: IL PORTAFOGLIO CAUTO.

Questo portafoglio lo ho adattato per i miei clienti che sono posti in amministrazione di sostegno o sotto tutela perché minori o perché inabili a gestire il loro patrimonio.

Vediamo prima cos’è un portafoglio modello.

Con la definizione di portafoglio modello ci si riferisce a un portafoglio di investimento costruito con asset class che siano scelte sulla base di metodi di ricerca e analisi.

Alla fine di questo processo si avranno portafogli caratterizzati da strumenti con diversi gradi di rischio, che vanno associati ai diversi profili degli investitori o ai diversi obiettivi di investimento.

In altre parole, si tratta di  panieri di fondi di investimento o titoli, dove la scelta degli strumenti e il peso delle asset class viene scelto per poter ottenere differenti gradi di rischio.

Infatti, non tutti gli investitori sono uguali: ci sono persone che hanno obiettivi di lungo periodo e altri che ne hanno di breve periodo, e ci sono differenze legate anche al rischio che ognuno di essi è disposto a correre.

Non dimentichiamo che cambiano da persona a persona gli obiettivi che si desidera raggiungere e magari anche le preferenze personali sugli investimenti, magari qualcuno mira a comprare strumenti che supportino l’innovazione e la tecnologia, altri voglio investire nel green e così via…

Partiamo quindi dal PORTAFOGLIO CAUTO, è il portafoglio costruito per la mia cliente Alessandra.

Alessandra è la sorella 58-enne di Marco, anch’esso mio cliente che le fa da amministratore di sostegno da quando sono morti i genitori. 

Alessandra ha intestato una cospicua somma di denaro, e riceve una pensione data la sua disabilità che le consente di vivere agiatamente.

Per le persone sotto tutela il Codice Civile, dispone all’art. 372 che i risparmi di proprietà di un tutelato possono, previa autorizzazione del Giudice Tutelare, essere dal tutore investiti: 1) in titoli dello Stato o garantiti dallo Stato; 2) nell’acquisto di beni immobili posti nello Stato; 3) in mutui garantiti da idonea ipoteca sopra beni posti nello Stato, o in obbligazioni emesse da pubblici istituti autorizzati a esercitare il credito fondiario; 4) in depositi fruttiferi presso le casse postali o presso altre casse di risparmio o monti di credito su pegno. Il giudice, sentito il tutore, può autorizzare il deposito presso istituti di credito, ovvero, per motivi particolari, un investimento diverso da quelli sopra indicati”.

Il punto 4) dell’articolo 372 lascia una grande apertura interpretativa al tutore e al Giudice Tutelare nella parte finale in cui enuncia “…ovvero, per motivi particolari, un investimento diverso da quelli sopra indicati”. Non si può ignorare, infatti, che il Codice Civile fu emanato nel 1942 e il sistema politico ed economico finanziario, e l’universo dei prodotti finanziari, non era certo quello dei giorni nostri.

Fortunatamente alcuni giudici sono propensi ad acconsentire a un investimento differente dal libretto di risparmio, dal buono postale o da un unico Titolo di Stato o un ristretto numero di titoli e le probabilità di un investimento diverso da quello enunciato dall’articolo 372 aumentano tanto più la presentazione del portafoglio a bassissimo rischio è presentato da un consulente finanziario. 

I fondi comuni di investimento e le polizze assicurative garantite Ramo I di cui vi parlerò più avanti sono state tutte autorizzate da un giudice tutelare.

Nel portafoglio di Alessandra, quindi, dopo essere stata autorizzata dal Tribunale ho potuto inserire alcuni titoli di stato italiano, fondi monetari e obbligazionari e polizze garantite in Gestione Separata Ramo I. 

La presenza delle polizze assicurative Ramo I, oltre che a ridurre la volatilità media del portafoglio essendo valorizzate a valore nominale, consentono di trasferire il patrimonio di Alessandra al fratello Marco riducendo al minimo le tasse di sucessione. Ricordiamo infatti che le tasse di successione tra fratelli sono del 6% con la sola franchigia dei 100.000€ ad erede.

Di seguito il portafoglio modello da me elaborato:

  1. Circa il 20% in Gestione Separata Ramo I all’1,5%
  2. Circa il 20% in titolo di Stato Italiano tra: BTP scadenza 2025 al 1,45%; BTP scadenza 2028 al 2% ed infine BTP scadenza 2030 al 3,5%
  3. Il restante 60% diversificato su strumenti monetari e obbligazionari globali: una sicav Amundi, due sicav Morgan Stanley, una sicav JPMorgan, una sicav Fidelity, una sicav DNCA, una sicav Pimco, una sicav Carmignac e due sicav Schroder

Di seguito l’elenco completo delle linee di investimento utilizzate all’interno del portafoglio CAUTO, diversificate per categoria di asset class e per Rating Quantalis.

Di seguito il confronto tra il PORTAFOGLIO CAUTO di cui l’andamento è tracciato con la linea blu scura confrontato con l’indice Obbligazionario Euro con la linea in verde e l’indice Obbligazionario Euro Medio Termine con la linea in azzurro


Il portafoglio CAUTO oltre ad avere una performance cumulativa maggiore +6,41% ha anche una volatilità minore rispetto all’indice Obbligazionario Euro.

Anche il tempo di recupero per passare da un picco negativo ad un picco positivo di portafoglio è stato per il portafoglio CAUTO minore rispetto al portafoglio Obbligazionario Euro Medio Termine.

Troverete questo portafoglio aggiornato trimestralmente sul mio sito: https://www.fedoranadiatamellini.it/ nella sezione dedicata ai portafogli modello.

Nella prossima colazione analizzeremo il portafoglio BILANCIATO PRUDENTE.

Buona colazione e buon sabato!

Fedora

Condividi

Vuoi saperne di più?