10 Aprile 2020

Per questo evento ho pensato di raggiungervi in casa con la mia voce e il mio viso, anche un po’ il mio sorriso.

In questi giorni chiusi in casa ho fatto una riflessione.

Probabilmente in questo periodo, quello che abbiamo provato tutti, è un sentimento semplice e ancestrale: è il sentimento della PAURA.

Tutti, chi più chi meno, abbiamo, in questi giorni, provato PAURA.

Due sono state le paure che ci hanno raggiunto:

  1. paura per la nostra vita, la nostra salute e quella dei nostri cari
  2. e poi c’è stata la paura della diminuzione dei nostri risparmi, del nostro patrimonio faticosamente messo da parte, paura di perdere il proprio posto di lavoro o di non poter continuare la nostra attività imprenditoriale.

Abbiamo anche paura che questa situazione di distanziamento sociale, possa prolungarsi per molto tempo, limitando la nostra libertà, la nostra natura di vivere in comunità.

Ma in fondo tutta questa APPRENSIONE non è da considerarsi completamente negativa.

I sociologi e gli antropologi ci hanno insegnato che la paura è stata fondamentale nella storia, per la nostra sopravvivenza.

La paura ci ha permesso di apprendere abilità di vigilanza e resilienza.

Sono quindi convinta, che in questi momenti sapremmo far emergere il nostro spirito di esseri umani e di ITALIANI che in merito a fantasia, coraggio e testardaggine non siamo secondi a nessuno.

Il mio augurio è che questo sacrificio umano non sia venuto invano, che porti con sè un GRANDE insegnamento.

Ci ha insegnato a prediligere le cose importanti nella vita: la salute e l’amore delle persone care.

Ci eravamo persi come popolo ma ci siamo ritrovati più vicini e uniti per un unico grande bene: quello della nostra Italia.

Vi auguro quindi una Pasqua di Rinascita, Speranza e Riscoperta, vi abbraccio tutti a presto.

Fedora

Condividi

Vuoi saperne di più?