26 Gennaio 2024

Benvenuti in questo 2024!

Un nuovo anno porta con sé nuovi inizi e nuove opportunità, e noi di FondamentE siamo entusiasti di annunciare un importante aggiornamento nella programmazione dei nostri articoli.

Da ora in poi, non pubblicheremo più con una cadenza bisettimanale, ma passeremo a una tri-settimanale. Questa decisione nasce dalla volontà di dedicare più tempo alla qualità dei nostri contenuti e, soprattutto, di avere maggiori opportunità di incontrarvi e assistervi personalmente.

Crediamo fermamente che il valore aggiunto del nostro lavoro risieda non solo nelle parole che scriviamo, ma anche nelle relazioni che costruiamo e nei successi che raggiungiamo insieme a voi, i nostri lettori e clienti.

Nella nostra nuova programmazione, abbiamo pensato di strutturare i prossimi numeri seguendo una suddivisione mirata per tipologie di fruitori, in modo da poter affrontare in maniera specifica e dettagliata le esigenze di ognuno.
Il nostro viaggio inizierà con un focus sugli imprenditori.

Oggi, iniziamo con un tema cruciale per molti imprenditori: le opzioni di finanziamento per la propria azienda.

Come consulente finanziario, ho avuto l’opportunità di guidare numerosi imprenditori attraverso il processo di selezione e ottenimento del finanziamento più adatto alle loro specifiche esigenze. In un recente incontro con Marco, un imprenditore dinamico alla guida di una SRL in crescita, abbiamo esplorato insieme le varie soluzioni di finanziamento. Ecco un riassunto di ciò che abbiamo discusso, che spero possa essere di aiuto anche a voi.

Entrando nel mio ufficio questa mattina, mi sono preparata a incontrare Marco, un imprenditore energico alla guida di una promettente SRL. Mentre Marco si accomoda, noto nei suoi occhi quella miscela di entusiasmo e incertezza tipica di chi sta per fare un grande passo. “Ho bisogno di capire le mie opzioni per finanziare l’espansione dell’azienda”, dice con determinazione. Mi appresto quindi a spiegargli le diverse soluzioni di finanziamento disponibili, consapevole che la giusta scelta può realmente fare la differenza nel suo viaggio imprenditoriale.

  • Scoperti di Conto: “Marco, lo scoperto di conto corrente è una forma di credito flessibile. La banca ti permette di ‘scoprire’ il tuo conto corrente fino a un certo limite, pagando interessi solo sull’importo effettivamente utilizzato. È ideale per coprire necessità di liquidità a breve termine.”
  • Bullet Loan: “Un bullet loan, o prestito ‘bullet’, prevede il rimborso dell’intero capitale alla fine del termine del prestito, mentre nel corso del prestito paghi solo gli interessi. Questa può essere una scelta strategica se prevedi entrate significative in futuro che ti permetteranno di estinguere il debito in una soluzione.”
  • Finanziamento: “Il finanziamento tradizionale è la scelta più comune. Riceverai una somma forfettaria da restituire con pagamenti periodici che includono capitale e interessi. È una soluzione versatile, adatta per acquisti importanti o investimenti a lungo termine, la durata può andare dai 5 anche ai 15 anni”.
  • Credito di Firma: “Questo è un tipo di credito non garantito basato sulla tua solvibilità. In pratica, la banca ‘firma’ per te, offrendoti un credito sulla base della tua reputazione e affidabilità finanziaria. È utile se hai un buon rating di credito ma non vuoi, o non puoi, offrire garanzie.”
  • Mutuo: “Il mutuo è un prestito a lungo termine generalmente garantito da un immobile. Se stai pensando di acquistare, costruire o ristrutturare spazi per la tua attività, questa potrebbe essere la strada da percorrere.”

Caro Marco, poi esistono altre forme di finanziamento per le imprese in cui l’imprenditore non chiede denaro in prestito ad un istituto bancario ma ad altri privati imprenditori come lui oppure al mercato o direttamente alla Borsa quotata; alcuni esempi sono i seguenti:

  • Emissione di Azioni o Obbligazioni Proprie: “Una strategia per raccogliere capitali è emettere azioni o obbligazioni della propria azienda. Emettere azioni significa offrire una quota della proprietà aziendale agli investitori, mentre le obbligazioni sono una forma di debito che l’azienda si impegna a rimborsare con un tasso di interesse fisso.”
  • Cessione di un Ramo d’Azienda: “Un’altra opzione potrebbe essere la cessione di un ramo d’azienda. Questo può fornire liquidità immediata e permettere di concentrarsi su aree più proficue o strategiche dell’impresa.”
  • Quotarsi in Borsa: “La quotazione in borsa può essere un passo importante per le aziende che cercano di accedere a nuovi capitali. Questa mossa comporta però una maggiore trasparenza e l’adempimento di requisiti normativi rigorosi.”
  • Crowdfunding: “Il crowdfunding è un modo per raccogliere fondi direttamente dai consumatori o da investitori interessati. È particolarmente utile per prodotti o servizi che suscitano un forte interesse o entusiasmo da parte del pubblico.”
  • Angel Investors: “Gli angel investors sono individui o gruppi che investono in startup o aziende in fase di crescita. Oltre al capitale, possono anche offrire mentoring e accesso a una rete di contatti.”

Marco ascolta con attenzione, annuendo. “Questo chiarisce molto,” afferma. “Grazie per aver semplificato un tema così complesso.”

Avere un professionista come partner è un vantaggio inestimabile: ci permette di selezionare e sfruttare gli strumenti più adeguati alle nostre esigenze specifiche.
Negli anni, ho costruito una rete significativa di professionisti – assicuratori, commercialisti, avvocati, broker, notai e altri. Questa rete non è stata solo un asset, ma un motore di crescita sostanziale per la mia attività.

Il lavoro di squadra è sempre stato un pilastro fondamentale per il successo.

Come disse Henry Ford, “Ritrovarsi insieme è un inizio, restare insieme è un progresso, ma riuscire a lavorare insieme è un successo.”

E in questa sinergia di competenze e collaborazioni, trovo la vera essenza del progresso e del successo professionale.

A presto!

Fedora

Condividi

Vuoi saperne di più?